Era la vertigine. L’ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa.

M. Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere

(via youaaretheonlyexception)

  1. brividosullapelle ha rebloggato questo post da twentyfine
  2. narcopaisley ha rebloggato questo post da lupodimore
  3. conlostomacodimagnolia ha rebloggato questo post da chivivefarumore
  4. malinconiadiabbraccisognati ha rebloggato questo post da kuraihimitsu
  5. desidera-chaos ha rebloggato questo post da iprimidiagosto
  6. butterfliesandhurricane ha rebloggato questo post da horntario
  7. sorrisincrocepervestirtidispine ha rebloggato questo post da iprimidiagosto
  8. conversationamongtheruins ha rebloggato questo post da settordiciottembreduemilamai
  9. peoplehavepower ha rebloggato questo post da zanandromeda
  10. wuwane ha rebloggato questo post da iprimidiagosto
  11. iprimidiagosto ha rebloggato questo post da liberospirito
  12. zanandromeda ha rebloggato questo post da liberospirito
  13. liberospirito ha rebloggato questo post da horntario
  14. insidealcatraz ha rebloggato questo post da kuraihimitsu
  15. horntario ha rebloggato questo post da respiroanime
  16. pealunaracconta ha rebloggato questo post da lupodimore
  17. xlumos ha rebloggato questo post da settordiciottembreduemilamai
  18. twentyfine ha rebloggato questo post da respiroanime
  19. a-mareggiata ha rebloggato questo post da amaretantoamarepoco
  20. castmyshadow ha rebloggato questo post da settordiciottembreduemilamai
  21. ceneridagosto ha rebloggato questo post da amaretantoamarepoco